CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

INFO

  • DATA: 09-03-2021
  • LUOGO: Transilvania

STATO DI PROVENIENZA

romania

Romania

ARTICOLI CORRELATI

Il villaggio di Viscri, Transilvania

Iulia da Bucarest, Romania

Dopo aver visto documentari sulla bellezza e l’unicità naturali e architettoniche della Transilvania, visitare Viscri, il tesoro supremo della Transilvania, è stato travolgente. Viscri è uno dei pochi villaggi rumeni ad essere inserito nel patrimonio dell’UNESCO, nonché il fortunato vincitore di una prima posizione nella lista dei borghi più belli del mondo.

A Viscri ogni abitazione è organizzata in modo tradizionale. Le case stesse, con i tetti spioventi, sono tipicamente allineate lungo la strada. Di fronte a loro, dall’altra parte del cortile, c’è la “cucina estiva”, dietro l’orto e il frutteto e, longitudinalmente sul retro, il fienile.

img 20180401 181326

La Chiesa

Il villaggio di Viscri, precedentemente noto come Giscriu (in dialetto sassone Weiskirich e in tedesco Weißkirch), si traduce come “chiesa sassone bianca” e ospita una delle chiese fortificate sassoni più spettacolari.

La chiesa fortificata luterana di Viscri fu costruita dalla comunità etnica tedesca della Transilvania Sassone in un momento in cui l’area apparteneva al Regno d’Ungheria. Inizialmente cattolica romana, divenne luterana dopo la Riforma. La weißkirch (“chiesa bianca”) si riferisce a una cappella costruita dagli abitanti di Székely che vi abitavano prima dell’arrivo dei Sassoni tra il 1141 e il 1162. Quando i Sassoni vi arrivarono, alla fine del XII secolo, trovarono una piccola cappella, che trasformarono in quello che è oggi.

All’interno del museo della chiesa si possono ammirare tessuti ricamati, ceramiche e attrezzi agricoli fatti a mano, oltre ad abiti e mobili tradizionali. Dalle torri delle fortificazioni si può ammirare il paesaggio del villaggio, così come i colorati tetti piastrellati a mano delle case e dei fienili. Accanto alla chiesa si trova un cimitero con lapidi risalenti alla cultura Bjielo-Brdo.

Sviluppo delle comunità locali

Molti potrebbero dire che il successo del luogo è attribuito alla presenza del principe Carlo nel villaggio, ma pochissimi sanno che alcuni abitanti dediti al loro villaggio e alla loro tradizione, hanno contribuito alla sua rinascita. Le persone che hanno messo Viscri in risalto sulla mappa e ne hanno fatto una storia di successo sono Caroline Fernolend e sua madre Sara, ma anche coloro che hanno “inventato” i marchi locali: calzini, pantofole e marmellata dolce.

Le particolarità dell’insediamento hanno attirato l’attenzione e la benevolenza del Mihai Eminescu Trust (MET), una fondazione originariamente sponsorizzata dallo stesso principe Carlo, che ha rinnovato la chiesa e alcune case, restituendo loro qualcosa dello splendore originale, che ha portato alla sua rinascita dal turismo e ad acquisizioni immobiliari nella zona.

COVER PHOTO

Progetto Natural Wool Socks

L’isolamento, ma anche l’assenza di altre occupazioni oltre all’agricoltura, ha fatto sì che il progetto di Natural Wool Socks vedesse la luce a Viscri. Iniziò con due tedeschi stabilitisi a Viscri alla fine degli anni ’90, quando la zia Leana andò con un paio di calzini all’uncinetto dai suoi ricchi vicini per chiedere cibo in cambio. I vicini erano Harald Riese, professore di musica tedesca, insieme a sua moglie.

Man mano che il mucchio di calzini cominciava a crescere, con il tempo si trasformò in un vero e proprio progetto che coinvolge 125 donne del villaggio. Ogni anno lavorano a maglia circa 10.000 paia di calze, guanti, cappelli, maglioni o pantofole di feltro che raggiungono il magazzino centrale di Naumburg (Germania) dove vengono venduti in tutto il Paese.

Questo progetto ha contribuito in modo significativo alla rinascita della comunità e alla creazione della Bottega Artizan, proprio di fronte alla chiesa fortificata, di proprietà dell’Associazione Donne di Viscri dove si possono acquistare anche i calzini. Come parte del progetto di sviluppo della comunità, MET ha anche creato un bar della comunità accanto ad esso che serve a molteplici scopi. Nel cortile, al civico 44, in una casa di legno, c’è il famoso “caffè Artizanat” dove si possono acquistare i prodotti lavorati a maglia dalle donne di Viscri o semplicemente provare i piatti locali e il caffè o l’acquavite. La gente del posto si incontra qui per una chiacchierata o per discutere di affari.

Sebbene Viscri abbia una grande comunità rom – più di 300 persone (su 400) – solo tre famiglie sono assistite socialmente, ovvero sette persone. E nel villaggio i cancelli non sono mai chiusi.

Credit Povesti Sasesti

Stimolazione economica

Poiché lo sviluppo della comunità va di pari passo con lo sviluppo economico, i prezzi delle case sono aumentati in modo significativo e le persone, in particolare gli stranieri, sono interessate ad acquistare proprietà qui. L’ultima casa venduta nel villaggio valeva 36.000 euro, è una casa di tre stanze. Un’abitazione che dispone di una tettoia può arrivare anche a 50.000 euro.

Protezione dell’ambiente naturale

Per quanto riguarda la protezione dell’ambiente, Viscri beneficia di un impianto di trattamento delle acque reflue unico nel suo genere. Con il sostegno del MET, Caroline Fernolend è riuscita nel 2011 a costruire un impianto di trattamento ecologico composto da una fossa settica, e tutti comprendiamo quali potevano essere i disagi durante le forti piogge pioggia. Una tale stazione migliora notevolmente non solo il tenore di vita della comunità ma anche l’ambiente. Poiché il progetto ha avuto così tanto successo, ora stanno cercando di replicarlo in molti altri villaggi vicini.

img 20180401 173629

Conservazione di tradizioni e abitudini

Nei pressi del paese è ancora praticato un mestiere secolare: la produzione di carboni mediante la lenta combustione del legno rinvenuto a terra. Si consiglia un giro in carrozza al pascolo del villaggio, dove viene prodotto il carbone tradizionale.

Un altro artigiano presente a Viscri è il fabbro. Nella sua baracca, il fabbro del villaggio, Istvan, fabbrica ferri di cavallo, serrature per finestre e porte, chiodi e qualsiasi altro prodotto in ferro necessario nelle famiglie. Gabor Istvan ha imparato il mestiere da suo padre e plasma di tutto con il ferro. Poiché era senza lavoro, ha rivolto la sua attività al turismo. I turisti vengono a trovarlo e Istvan mostra loro i segreti del lavoro.

Il forno in mattoni e tegole, situato su una collina a sud del paese, è stato realizzato dal MET per creare una fonte di materiali da costruzione tradizionali necessari al restauro di edifici di importanza storica e architettonica. Nel 2006, un esperto britannico di restauro, Colin Richards, è venuto a Viscri con il suo team dall’Inghilterra per costruirlo. Gheorghita e la sua famiglia, insieme ad altri nove abitanti del villaggio, si occupano del buon funzionamento della fornace, accendendola da 3 a 5 volte l’anno, producendo circa 6.500 mattoni e 12.000 tegole per combustione. I visitatori sono sempre i benvenuti. Pertanto, sebbene sia un villaggio povero e poco popolato, alcuni mestieri sono comunque riusciti a mantenerlo in vita, attraverso la comunità locale.

Credit Adevarul.ro

Cibi locali e conservazione artigianale

La confettura di frutti di bosco Viscri è diventata famosa all’estero. Gerda Gherghiceanu di Viscri è quella che fa le famose marmellate e che ha fatto in modo che la dolce confettura di Viscri arrivasse a Parigi. Nell’autunno del 2012, la gente del posto ha lanciato la marmellata di Viscri, che costa l’incredibile cifra di 365 euro a vasetto. Il grande lancio è avvenuto a Parigi dove la marmellata è arrivata confezionata con una bustina e un cucchiaino d’argento. La ricetta è segreta, ma i produttori hanno dato alcuni indizi – “è una marmellata fatta di frutti di bosco e pochissimo zucchero”. La vendita di confetture fa parte di un progetto di beneficenza, “Dar din Dar / Gift from Gift” e le persone che acquistano donano un euro al giorno per promuovere i villaggi dell’area di Brasov-Mures.

Tutela architettonica

Altre misure che hanno contribuito allo sviluppo del borgo sono state il restauro delle facciate di case e chiese, la realizzazione di solai in legno all’ingresso delle abitazioni, la disposizione dei cartelli per entrare nel borgo, la segnaletica per i turisti. Tutto questo con l’aiuto della Mihai Eminescu Trust Foundation e del lavoro instancabile di Caroline.

Un’altra cosa che potrebbe valere la pena menzionare riguardo alla popolarità di Viscri sono le Avventure di Casanova, “Historia de la mova mort”, un film girato a Viscri. Il film racconta la storia degli ultimi giorni della vita di Casanova. La distribuzione del film è stata sostenuta dagli abitanti del villaggio di Viscri, che hanno mantenuto il dialogo originale in rumeno per lasciare un tocco di mistero. Il film ha vinto il Pardo d’Oro al 66° Locarno Film Festival ed è stato selezionato anche al Toronto International Film Festival.

Bed & breakfast operativi, hotel, ostelli, case locali;

Viscri beneficia di una vasta gamma di bed and breakfast operativi e case locali, grazie al coinvolgimento della campagna MET e al rilancio del villaggio, nonostante il suo posizionamento e le sue dimensioni. Quelli sottostanti appartengono al MET e il denaro pagato per l’alloggio sosterrà il loro futuro lavoro di conservazione.

Viscri 129

Viscri 38

Viscri 39

Viscri 63

Viscri 63B

Viscri 125

img 20180401 175813
img 20180401 180503