CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

INFO

  • DATA: 24-11-2020
  • LUOGO: Cile

STATO DI PROVENIENZA

Argentina

Argentina

ARTICOLI CORRELATI

san Pedro de Atacama, Cile

Giselle da Buenos Aires, Argentina

Qui racconto dei miei giorni nel deserto più alto del mondo vicino San Pedro de Atacama, in Cile. Deserto e una città di 2.500 abitanti, punto. San Pedro de Atacama non ci ha accolti con favore e abbiamo attraversato le Ande per conoscerlo. Dopo un viaggio di 515 km percorsi in 10 ore, siamo arrivate da nessuna parte.

San Pedro de Atacama

Deserto, una città di 2.500 abitanti, punto.

San Pedro de Atacama non ci ha accolto con favore nonostante abbiamo attraversato le Ande per conoscerlo. Dopo un viaggio di 515 km percorsi in 10 ore, io e altri amici, abbiamo avuto l’impressione di non essere arrivati da nessuna parte. Dopo i controlli al confine, l’autobus ci ha portato vicino a quella che avrebbe dovuto essere una città e se ne è andato. Sotto i miei piedi: sporco, polvere, sabbia. Intorno a me: il vento e alcuni avventurieri.

Da noi si dice che facendo domande si può arrivare fino a Roma, quindi non avrebbe dovuto essere molto difficile arrivare in città. Infatti, l’abbiamo trovata e dopo diversi consigli ci siamo fermati in un complesso residenziale che, come il resto degli alloggi del posto, non aveva riscaldamento, né acqua corrente, né luce notturna, ma sembrava carino e il prezzo era adatto a noi. Ci aspettavano molte insidie.

Elettricità poche ore al giorno (ironicamente abilitata in presenza di luce solare), scarsità d’acqua (da prevedere in mezzo al deserto), escursione termica mai sperimentata prima (25 C ° di giorno e –20 ° C di notte), pochi soldi e niente bancomat in un raggio di 100 km. Al di là del panorama ostile, San Pedro ci ha regalato giornate e notti calde in cui piovevano stelle perché non c’era più spazio in cielo. Lagune, vulcani, saline, geyser, ruscelli. Viste le condizioni, per il viaggiatore assetato di nuove esperienze tutto sembra allettante e, sebbene la cittadina sia minuscola, è affollata di agenzie di viaggio con varie proposte.

Natura estrema, il Geyser Tatio

Il primo giorno ci siamo alzati alle 3.30 del mattino, abbiamo indossato tutti i vestiti pesanti che avevamo e al buio ci siamo avvicinati alla porta del lodge ad aspettare il camion che sarebbe venuto a prenderci.

Il termometro interno non era guasto, faceva freddo, la temperatura era sui 25 gradi sottozero. L’alba si faceva attendere. La strada era ghiaiosa, tortuosa e il mio stomaco lo sentiva. Dopo quasi due ore siamo arrivate al campo geotermico dei geyser Tatio. Abbiamo pagato l’ingresso al Parco Nazionale e il freddo sembrava prenderci a schiaffi.

Potevamo solo camminare sui sentieri segnalati poiché queste fonti di acqua bollente non avvisano quando scatenano la loro furia. Abbiamo iniziato a girare quando il sole non era ancora sorto e il vapore rendeva il paesaggio ancora più misterioso. Abbiamo fatto colazione su alcune pietre. Il tè alla coca era richiestissimo visto che l’altezza (4.320 metri) combinata alle basse temperature ha fatto sentire male molti di noi.

Alcuni uomini coraggiosi hanno osato fare il bagno in una piscina naturale di acqua termale che si aggira intorno ai 30 ° C, quando quelli di noi che guardavano dall’esterno erano a –15 ° C. Un piccolo gruppo di madrileni si è dato coraggio cantando la sevillana e i miei amici spagnoli hanno cercato di nascondersi per l’imbarazzo che provavano ma, a loro volta, erano orgogliosi che i connazionali portassero la loro gioia ovunque. Il posto è da favola.

Qui, gli estremi si fanno sentire in tutto: nel silenzio assoluto, nella forza dell’acqua, nella rigidità della terra, nel clima con i suoi cambiamenti radicali, nell’inabitabilità di quelle latitudini. È in questi casi che ci si rende conto dell’immensità del mondo, di quanto sia piccola la nostra vita rispetto a quella che ci circonda e di quanto siamo fortunati a poter vedere, sentire e vivere queste esperienze.

Chile 900x900 1 (2)

Il sandboard

Il primo giorno, storditi dal viaggio e dall’altitudine, ci siamo dedicati alla ricerca di cosa fare nei giorni successivi e noleggiare escursioni. Siamo rimasti colpiti da un cartello che diceva “Sandboarding nella Death Valley sotto le stelle“. Era una spedizione notturna per praticare quello sport.

A causa della mia inesperienza in materia e del fatto che non mi restavano molte forze per riprendermi da un’intossicazione alimentare, ho suggerito di fare la gita di un giorno.

Da San Pedro percorri solo due chilometri fino alla Cordillera de Sal: una specie di contrafforti che in seguito diventeranno la maestosa catena montuosa delle Ande. Il paesaggio diventa sempre più imponente e strano. Siamo arrivati alla Valle della Morte, che prende il nome dalle sue gigantesche dune con stretti bordi di sabbia, e abbiamo adagiato sulla sabbia le nostre tavole.

La nostra esperienza negli sport da tavola era nulla, ma dopo alcune raccomandazioni, diverse cadute e tante risate, abbiamo bellissimi ricordi di quel pomeriggio. Quando il sole si stava ritirando, abbiamo attraversato la Valle della Luna per ammirare il tramonto.

Questo paesaggio lunare ci ha dato la sensazione di camminare sul nostro satellite senza la mancanza di gravità. Il tramonto è indescrivibile, coi colori arancio, marrone e viola che entrano nella catena montuosa con le sue innumerevoli vette e vulcani.

Eravamo tutti in piedi sul bordo della duna e in silenzio abbiamo visto come il sole ci ha lasciato. Per concludere una giornata frenetica, la nostra guida ha iniziato a correre, ci ha spinto e tenendoci per mano siamo corsi giù per la duna, quasi rotolando per l’accelerazione, giocando come quando eravamo bambini.

Kurt Cobain dal vivo!!

Seconda notte a San Pedro. Cercavamo qualcosa che ci facesse riscaldare. Abbiamo scelto il bar “El Milagro” e cercato un tavolo vicino al fuoco. In questo piccolo paese è comune che bar e ristoranti abbiano una sorta di galleria e che il centro della stanza sia aperto verso il cielo in modo che le fiamme di quegli enormi falò usati per il riscaldamento non brucino il soffitto.

Seduti davanti al fuoco, guardandolo come se fossimo i primi esseri umani a scoprirlo, individuiamo un ragazzo sulla ventina, identico al defunto leader dei Nirvana. Quella notte è stata un’illusione. Un gruppo di adolescenti cileni che erano in viaggio di studio si è seduto al nostro tavolo e tra le risate ci siamo insegnati a vicenda gli accenti del “dialetto” dei nostri rispettivi paesi.

La situazione ha attirato l’attenzione di quasi tutti e così siamo stati raggiunti dal cameriere peruviano che è finito a tavola con noi e dalla guida dell’escursione del giorno precedente con i suoi amici. Ma all’improvviso “Kurt” era scomparso. Il giorno successivo, un po’ storditi dalla sera prima, siamo partiti per la nostra escursione in sandboarding. Quando il conducente del furgone che ci avrebbe portato è sceso, non potevamo crederci. Si è presentato come Alejandro, di circa 27 anni, biondo, i capelli lunghi sulle spalle, spettinato e un’aria molto simile a Cobain.

Chile 900x900 1 (1)

Le lagune Altiplaniche

Per il terzo giorno abbiamo scelto l’escursione alle Lagune Altiplaniche, sono specchi d’acqua con il bordo dipinto di sale, di un colore verde azzurrognolo e che si trovano a oltre 5.000 metri di altitudine. Ci sono venuti a prendere con un furgone e a poco a poco abbiamo recuperato il resto dell’equipaggio. Ne mancava solo uno, poi saremmo finalmente partiti secondo le parole della guida. Ci siamo fermati in un albergo in periferia e Andrew è salito.

Un inglese pallido e magro con un enorme sorriso.” Il tuo cognome sarebbe Cobain? Voglio dire, perché la sua faccia è identica a quella di Kurt!” La terza somiglianza in tre giorni! Si è scoperto che Andrew parlava molto bene lo spagnolo, che aveva vissuto a Barcellona per diversi anni, dove ha lavorato come insegnante di inglese, lasciando la sua professione di archeologo, era un gentiluomo inglese, e a sua volta così uguale e così diverso dagli altri doppioni in cui ci eravamo imbattuti lungo la strada.

Avevamo solo bisogno di ascoltarlo, e poiché i desideri sono ordini, quella stessa sera mentre stavamo cenando con la voce di Michael Bublé di sottofondo, è partita la canzone “Smell like a teen spirit”. Forse il nostro spirito adolescenziale era davvero nell’aria e, a quanto pare, non era passato inosservato.

L’importante non è non avere problemi

‘L’importante non è non avere problemi, ma averli e riuscire a superarli’

Se avessi voluto una sfida, non avrei potuto trovare niente come questo viaggio. La mia partenza era in dubbio, abbiamo tutti avuto un’intossicazione alimentare, abbiamo perso alcuni autobus, una mia amica si è ferita a un piede mentre faceva sandboard e il medico più vicino a San Pedro era a 100 km, abbiamo passato una notte intera svegli e isolati cercando di comunicare con la Spagna perché avevamo il sospetto che uno dell’equipaggio del volo Spainair che aveva subito un incidente fosse un conoscente del mio amico, e le cose continuavano a succedere …

L’ultimo giorno in città volevamo fare qualcosa per tirare su il nostro spirito ma non avevamo più molti soldi. Così abbiamo deciso per l’escursione alla Laguna Cejar, che era una delle più accessibili. Quando siamo andati a ritirare i soldi dall’unico bancomat in città, a metà della transazione è andata via la corrente e si è tenuto metà dei soldi e la nostra carta. Non solo, ma sarebbe rimasto in disuso fino a quando non fossero venuti a ripararlo, cioè il lunedì successivo …. Abbiamo imprecato in più lingue, fatto reclami alla banca in Cile e Spagna ma niente. Così siamo partiti con il nostro cattivo umore alla ricerca di un’agenzia dove potessimo pagare con la carta. All’ora stabilita siamo partiti per la Laguna.

Laguna di sale. Addio a San Pedro

Questa oasi è una sorgente di acqua salata, l’acqua sulla sua superficie è ghiacciata ma al di sotto è estremamente piacevole poiché sul fondo la laguna ha un geyser che dà vita a una piscina naturale riscaldata. Eravamo in pieno agosto e la sera prima la temperatura si era aggirata intorno ai -20 ° C, ora eravamo sui 20 ° C. Entrando in acqua, la sensazione è strana, prima si sente freddo, poi il calore e la forza dell’acqua che ti solleva! È un fenomeno che si verifica a causa della quantità di sale che l’acqua ha, è 4 volte più salata dell’acqua di mare, simile al Mar Morto.

Dopo il bagno siamo andati a vedere Los Ojos del Salar. Due specchi d’acqua che si trovano uno accanto all’altro. Rotondi, perfetti e in mezzo al nulla. La sera siamo andati in un’altra laguna spopolata di turisti, con un cielo rosa arancio e degustazione di ‘piscola’, un misto di coca-cola con pisco, una tipica acquavite la cui origine è contesa tra Cile e Perù. A cena abbiamo mangiato salmone alla povera, che non ha niente coi poveri, accanto a un falò, circondati da nuovi amici.

Per salutare questo posto meraviglioso e farci dimenticare tutto il nostro malumore, il peruviano ci ha portato a una festa ‘clandestina’ (a San Pedro alle 12 di notte la polizia passa e chiude tutti i bar, i ristoranti e tutto quello che dà segni di vita). Musica dal vivo tipica dell’Altopiano mentre tutti ballano estasiati intorno al fuoco come se fossero a un rave a New York.

Porto con me i migliori ricordi di questo viaggio, soprattutto per la compagnia e per i nuovi amici.

San Pedro de Atacama copertina